Associazione Culturale Vegetariani e Vegani Siciliani

Avena: un cereale poco diffuso e dai molteplici benefici

Contrasta l'insonnia, la depressione e i disordini alimentari

112

Avena, uno dei cereali dalle proprietà nutrizionali più vaste ma purtroppo non ampiamente diffuso. L’avena sativa è la più coltivata.

Appartiene alla famiglia delle graminacee ed è composta perlopiù da carboidrati . E’inoltre ricca di proteine, grassi e fibre e sali minerali come ferro, silicio, calcio, potassio e magnesio. L’avena presenta un buon contenuto di vitamine del gruppo B e di lisina oltre al contenuto di avenina, benefico per il sistema nervoso e la tiroide.

Nel XVII e XVII l’avena è stata in Scozia tra gli alimenti principali anche se nel secolo successivo fu sostituita dal frumento. Tuttavia al giorno d’oggi il porridge a base di avena è una delle colazioni tipiche scozzesi.

 

Nutrienti

Valori nutrizionale dell’avena su 100 gr di prodotto (Fonte banca dati  USDA e INRAN)

  • glucidi (75,8 g %)
  • proteine (16,9 g%)
  • lipidi(7g%)
  • Calcio (54 mg%),
  • P(523 mg%
  • ,ferro (4,7mg%),
  • Zn (3,97 mg%)
  • 389%

Tra i cereali l’avena è quello tra i più ricchi di grassi insaturi e di numerosi composti ad azione antiossidante come i flavonoidi, gli steroli,  i tocoli, gli acidi fenolici.

Tra le caratteristiche che rendono questo cereale interessante è la presenza di beta-glucani, una fibra solubile riconosciuta dall’American Council on Science and Health utili per l’abbassamento del colesterolo ematico e per la riduzione delle patologie cardiovascolari.

La Food and Drug Administration afferma che una dose giornalieradi 3 g di beta- glucano può ridurre le malattie coronariche.

Il beta-glucano, presente anche nell’orzo, ha proprietà addensanti grazie alla sua viscosità.

Benefici

L’avena è un valido aiuto per chi soffre di insonnia, depressione e disordini alimentari grazie al contenuto di gramina e dell’avenalumina, che sembra agire positivamente sul metabolismo delle catecolammine.

Usi dell’avena

avenaL’avena è spesso consumata in fiocchi tostati, come base per la colazione, oppure come farina, pasta o prodotti da forno, latte vegetale, yogurt e prodotti derivati.

In cucina è consigliabile aggiungerla ad altre farine per via del suo retrogusto amarognolo.

 

 


 


Articolo di Chef Enza Arena
Sito Web: Natural Vegando

 

 


Fonti:

1.J. Clin. Nutr. 48: 465-474 Oats b-glucan reduces blood cholesterol concentrationin hypercholesteromic subjects.
2.FDA Talk Paper Jan. 22. 1997. Food and Drug Administration. U. S. Department of Health and Human Service, FDA allows whole oat foods to make health claim on reducing the risk of heart disease.
3.Peterson D. M.2002, Oat lipids: composition, separation, and application: Lipid Techn. 14
4.Radealli R., Sgrulletta D., Scalfati G., De Stefanis E., Pollini C. M., Conciatori A., Cammerata A., 2005. L’Avena per un prodotto alimentare ricco di proprietà salutari. Risultati della ricerca in Italia. Tecn Mol. 3.

Commenti