Human Design System®, caratteristiche genetiche e dieta – 1° parte

La nuova scienza di sintesi decodifica il funzionamento del nostro organismo Corpo-Mente-Spirito.

159

HUMAN DESIGN SYSTEM® (SISTEMA DI DISEGNO UMANO) 1° parte

Conoscete la canzone di Giorgio Gaber “Se io sapessi”? Ad un certo punto dice: “se io sapessi cosa mi fa bene, se io sapessi cosa mi fa male…”
L’autore sembra alla ricerca di un punto di riferimento fisso, certo e non mentale che si trovi all’interno di ognuno di noi e che ci guidi nelle scelte al di là di quello che pensiamo con la mente.

Non è semplice parlare di Human Design System® perché si tratta di una scienza di sintesi che mette insieme tradizioni antiche e scienze moderne.

Human Design è una disciplina per tracciare il profilo della persona mettendo in evidenza quelle che sono le sue caratteristiche innate da valorizzare. Focalizzandosi anche sugli aspetti condizionanti che quella determinata persona ha assorbito nell’ambito della vita, dell’educazione, della scuola e tutto quello che ci viene insegnato fin da quando siamo piccoli.

E’ anche chiamata la Scienza dell’Unicità, perché ogni persona ha il suo disegno, caratteristiche genetiche innate, che dovrebbe assecondare per ottenere il meglio dalla sua vita e da se stesso.

E’ un sistema che sul lungo periodo ci consente di ritornare a vivere quella che è la nostra natura originaria.

Human Design (HD) quindi è un sistema di conoscenza di noi stessi che non ci dice chi siamo ma ci fornisce degli strumenti pratici da mettere in pratica nella vita quotidiana per scoprire chi siamo. Con questi strumenti possiamo capire e decifrare i messaggi che arrivano dal nostro corpo e che spesso sono in contraddizione con quello che crediamo a livello mentale.

Partendo dal presupposto che ogni persona è diversa da un’altra, la mente dovrebbe servire a mettere in pratica le decisioni che il corpo decide di intraprendere.

Non è la mente che regola tutto

Purtroppo siamo abituati sin da piccoli a fare il contrario: valutare tutto su base mentale. Questo deriva dalla convinzione che è la mente a regolare tutto mentre è vero il contrario.

Se ad esempio consideriamo il sistema nervoso dell’apparato digerente, esso ha un livello di connessioni neuronali pari a quelle del cervello. Infatti viene chiamato “cervello addominale”. I trasmettitori chimici che partono da quel sistema nervoso condizionano la qualità dei nostri pensieri e la lucidità della nostra mente più di quanto la mente non condizioni quell’apparato. Infatti, ad esempio, non possiamo decidere di digerire o non digerire.

Facciamo un altro esempio. Se una persona è istintiva, disegnata per vivere nel presente, è in grado di prendere decisioni affidabili ascoltando le sensazioni del suo corpo istante per istante. Tuttavia queste decisioni sono spesso in contraddizione con i processi mentali.

Immaginiamo che ci venga offerto un lavoro che “a rigor di logica” è perfetto e non sembrano esserci motivi per non accettare. Ma c’è qualcosa nel nostro corpo che ci manda contro questa decisione. Ciò nonostante accettiamo e dopo un po’ di tempo scopriamo che il lavoro non ci piace ed è diverso da quello che ci aspettavamo.

L’istinto del nostro corpo lo sapeva già prima. Può sembrare un esempio banale ma se impariamo ad ascoltare tutti gli input del nostro corpo, possiamo evitare tutta una serie di problemi. Frustrazioni e dolorosi ripensamenti che comunemente fanno parte della vita di tutti noi.

Dal momento che, come appare chiaro, la scelta della propria dieta è qualcosa che definisce il nostro vivere e ci viene richiesto direttamente dal nostro corpo, anche una dieta vegana non può essere prettamente ideologica ma profondamente ed essenzialmente istintiva.

Simona Camiolo

 

*Ringraziamenti:Simone Falsini, Analista di Human Design System, Human Design Italia



Simona Camiolo
Classe 1967. Nata a Lodi,vive ad Arezzo,sposata e mamma di 3 figli.
Diplomata in Lingue e laureata in Relazioni Pubbliche e Discipline amministrative presso IULM di Milano. E’ vegana e viene in pace.
Profilo Instagram

Commenti