Beppe Croce, ”Cannabis Sativa utile per SLA e terapia del dolore”

L’uso terapeutico della Cannabis è usato in modo molto soddisfacente come antinfiammatorio e decontratturante.

277

Federcanapa è nata 2 anni fa per tutelare i coltivatori italiani ed i trasformatori della materia prima. Beppe Croce, che ne è il Presidente, ci racconta la storia della cannabis sativa e le innumerevoli proprietà di questa pianta per tantissimi anni demonizzata e osteggiata.

A quando risale la coltivazione della Canapa?

La coltivazione della Canapa è molto antica e si perde nella notte dei tempi: la usavano i Cinesi, gli antichi Egizi e Greci. In Italia i Romani la utilizzavano già  nei decenni dopo Cristo e non fu mai soppiantata fino agli ’40 . Nel primo Novecento il nostro Paese divenne il primo produttore mondiale per qualità di fibre.

La canapa veniva coltivata in tutta Italia sia per uso domestico che per uso industriale e si producevano arredamenti, cordami, abbigliamento, semi come mangime per pesci e pollame oltre all’uso storico di canapa per la produzione di  carta e tessuto per vele delle imbarcazioni.

Quanti tipi di canapa esistono?

Esistono due scuole di pensiero. Una che tende a suddividere le tante varietà sostanzialmente in due grandi gruppi:

    • Canapa indiana (Cannabis Indica) ad elevata azione psicotropa (in altri termini droga)
    • Cannabis Sativa per la produzione tessile/industriale.

Io condivido la posizione che è ormai quella della maggior parte degli scienziati che considerano  la Cannabis Sativa una unica specie con molte varietà.

 

Come mai c’è stato un declino della produzione?

I motivi sono più di uno.
1.Sebbene in America la produzione di Cannabis Sativa fosse molto florida e lo stesso Henry Ford fosse un accanito sostenitore dell’uso della canapa per produrre parte delle scocche delle automobili,  nel 1937 la Cannabis Sativa viene messa fuori legge a causa del principio psicotropo THC (tertraidrocannabinolo). Anche se si tratta di una legge americana gli effetti si faranno sentire anche in Italia.

2.Un altro motivo fu di tipo economico. Il politico e  magnate dell’editoria  W.R. Hearst, famoso per la sua incredibile ricchezza ma anche la sua enorme influenza sull’opinione pubblica americana (arrivò a possedere fino a 28 testate giornalistiche), portò avanti una vera e propria campagna diffamatoria sull’uso della canapa concepita solamente come Marijuana e, secondo lui,  madre di tutti i mali dell’America. In realtà W.R. Hearst aveva da poco investito grossi capitali sulla cellulosa da albero per la produzione di carta e utilizzò la disinformazione per  meri scopi personali.
Nello stesso periodo la Dupont inizia a produrre fibre tessili sintetiche di origine petrolchimica e brevetta il Nylon.

3.Un terzo motivo è legato alla diffusione nell’Europa del dopoguerra del cotone, importato dall’America o dall’India, che ha soppiantato nel tessile le fibre storiche europee, tranne in parte il lino

Raccolta della cannabis nell’800

Quindi c’è stato un abbandono della coltivazione della Cannabis Sativa?

Non completamente, la Francia e la Russia non hanno mai smesso la coltivazione. Soprattutto la prima specializzandosi nella produzione di carte speciali, sviluppandone la specie con miglioramenti di tipo genetico.

L’Italia invece ha abbandonato fino alla fine degli anni ’90, anni in cui si assiste ad una ripresa non solo in Europa ma anche in Cina, Australia e Canada.

 

Cosa ha contribuito alla ripresa della produzione di canapa?

Sicuramente la revisione delle posizioni anche alla luce dell’utilizzo terapeutico di questa pianta.

Ormai è assodato che non esistono rischi psicotropi con bassi valori di THC attorno allo 0,3% – 0,5% anche se poche settimane fa il Consiglio Superiore della Sanità ha  dichiarato che potrebbero esserci dei rischi per la salute anche per la Cannabis cosiddetta Light cioè a basso contenuto di THC. Occorreranno studi ulteriori, ma allora dovremmo ulteriori, ma allora dovremmo abolire subito anche alcol, tabacco, ammoniaca, vernici e gran parte delle sostanze potenzialmente pericolose per la salute umana.

Quali sono gli usi della Cannabis non ludica?

Ci sono due grossi aspetti da non sottovalutare: uno salutistico relativo al seme da cui si ricava olio, farine o il seme decorticato consumato così com’è in aggiunta al cibo. Il seme contiene tutti gli aminoacidi essenziali per la sintesi delle proteine, è particolarmente ricco di acidi grassi polinsaturi essenziali come lacido linolenico, linoleico e alfa linoleico con un rapporto tra acido linoleico e acido linolenico ottimale per la nutrizione umana.

In particolar modo l’Acido gamma linolenico ; purtroppo la nostra dieta moderna è molto carente dii questo acido grasso essenziale perché abbiamo smesso di consumare olio di colza e olio di semi di lino in favore del pressoché esclusivo  uso dell’olio extravergine d’oliva che è un ottimo prodotto e fa bene ma non contiene Omega 3.

Il seme di Cannabis Sativa inoltre è ricco di proteine, vitamine  utili per la prevenzione di malattie cardiocircolatorie. E’ considerato un ottimo prodotto in nutriceutica. E’ importante l’utilizzo a freddo e non riscaldato.

L’uso terapeutico della Cannabis si è rivelato molto utile quanto riguarda la terapia del dolore ed è usato in modo molto soddisfacente nel trattamento delle SLA come antinfiammatorio e decontratturante.

Anche se ultimamente si parla solo di THC la canapa contiene altri cannabinoidi ad uso terapeutico, come il CBD. Secondo la letteratura scientifica in America si è rivelato essere molto utile nella cura del tumore alla mammella. Altri cannabinoidi sono ancora in fase di studio.
Addirittura alcuni medici non prescrivono né il THC né il CBD ma direttamente le infiorescenze, vero e proprio scrigno di principi attivi.

Quali sono gli usi non terapeutici?

Nell’ambito della bioedilizia: le fibre di canapa sono un materiale eccellente come isolante acustico e termico perfettamente in grado di sostituire la fibra di vetro e lana di roccia che, malgrado siano ampiamente riconosciute come pericolose per la salute, sono tuttora il materiale isolante più utilizzato al mondo. Il Canapulo, il nucleo interno legnoso dalle grandi proprietà idroassorbenti e traspiranti, ottimo se utilizzato per produrre la Calce Canapa e materiali strutturali  come il Cemento Canapa.

L’applicazione maggiore di questi materiale compositi si ha nell’industria automobilistica. BMW e Mercedes ormai da anni utilizzano questi materiali a base di canapa per la realizzazione delle plance . Anche un modello dell’Alfa Romeo usa parte di rivestimenti in canapa ma vengono prodotti in Francia; purtroppo in Italia la produzione è ancora bassa e, tranne che per un caso, si tratta di produzione ancora  di tipo artigianale.

Il Canapulo è anche usato come lettiera per i cavalli perché è in grado di assorbire fino a 4/5 volte il suo peso in acqua.

Esistono poi molti altri impieghi, dalle bioplastiche alle carte speciali, senza dimenticare il tessile in cui a fibra di canapa può essere di base per tessuti ad alta resistenza, traspiranti e confortevoli.

Esistono i presupposti per un incremento della produzione anche in Italia?

Per i coltivatori di canapa in Italia a partire dal gennaio 2017 c’è una buona legge che tutela i coltivatori ma allo stesso tempo questa legge ha ancora un grande difetto non entrando nel cuore della questione: non riconosce ma neppure proibisce l’utilizzo delle inflorescenze. Si spera che il nuovo governo possa mettere mano alla legge colmando questo vuoto.

Vorrei sottolineare che la coltivazione della Cannabis Sativa è una produzione pulita, non solo non inquina ma coltivata a uso industriale copre completamente il terreno facendo un vero e proprio diserbo naturale. Seguendo poi la rotazione delle colture, è possibile piantare successivamente cereali o ortaggi invernali nei campi precedentemente coltivati a canapa incontrando meno problemi di infestanti.

Simona Camiolo



Simona Camiolo
Classe 1967. Nata a Lodi,vive ad Arezzo,sposata e mamma di 3 figli.
Diplomata in Lingue e laureata in Relazioni Pubbliche e Discipline amministrative presso IULM di Milano. E’ vegana e viene in pace.
Profilo Instagram

Commenti